Terapie dell'adulto

E’ evidente quanto il sorridere ed essere sicuri di noi stessi oggi giochi un ruolo sempre più cruciale nelle dinamiche interpersonali e lavorative. Nelle logiche comunicative del mondo industrializzato, la condivisione estrema della propria immagine a mezzo di social network di ogni tipo è diventato quasi più importante che relazionarsi nella vita reale. Per questo ed altri motivi curare l’aspetto fisico e la propria immagine sta assumendo un ruolo sempre più preponderante.

Tuttavia, oltre alla motivazione estetica, vi sono anche altre ragioni che giocano un ruolo nella difficile scelta di iniziare una terapia ortodontica in età adulta:

si possono alleviare dolori articolari e muscolari a livello di testa , collo e schiena;
la funzione masticatoria e digestiva può andare incontro ad un sensibile miglioramento (gli alimenti masticati bene sono più facili da digerire);
denti dritti sono più facili da pulire, si riduce cosi la quantità di placca ed il rischio di avere carie o problemi alle gengive;
tramite appositi dispositivi chiamati bite funzionalizzati si può intervenire su bruxismo e/o serramento dei denti;
grazie a particolari dispositivi si può ottenere una riduzione delle apnee notturne e del russamento grazie all’avanzamento mandibolare e alla liberazione delle vie aeree


I trattamenti

Negli ultimi anni sono sempre di più gli adulti che richiedono trattamenti ortodontici con l’obiettivo di ottenere una masticazione più bilanciata e per migliorare l’aspetto estetico del loro sorriso e del loro volto...

Scopri di più

Negli ultimi anni sono sempre di più gli adulti che richiedono trattamenti ortodontici con l’obiettivo di ottenere una masticazione più bilanciata e per migliorare l’aspetto estetico del loro sorriso e del loro volto.
Infatti oggi il trattamento ortodontico è assolutamente compatibile con lo stile di vita di un adulto, grazie soprattutto all’utilizzo di apparecchiature poco visibili e poco invasive come
Invisalign
Incognito.
L’ortodonzia non ha più quindi limiti di età, purché ci siano adeguate condizioni di salute dentale, gengivale e ossea.

L’unico limite nel trattamento ortodontico del paziente adulto è legato all’entità e alle caratteristiche della malocclusione. Infatti , se presente, un eccessivo o insufficiente accrescimento dell’osso mascellare o della mandibola porta ad una alterazione dell’equilibrio del profilo facciale, con conseguenti alterazioni estetiche ma soprattutto funzionali. Per correggere questo tipo di difetto dentale e scheletrico è necessario pianificare un trattamento combinato ortodontico-chirurgico con l’obiettivo, non solo di riallineare i denti, ma di riportare in una posizione di equilibrio le basi scheletriche dei mascellari.

Ortodonzia pre-chirurgica

Esistono poi situazioni particolari per cui il paziente adulto può richiedere un consulto ortodontico, come bruxismo, dolore e/o rumori all’articolazione della mandibola, dolore e/o affaticamento ai muscoli del viso e del collo (disordini temporo-mandibolari) oppure russamento cronico (russamento e apnee notturne).
Per il conseguimento o il rinnovo della patente guida è da poco stata emanata una legge che impone il candidato eventualmente affetto da disturbi del sonno di essere in terapia con dispositivi certificati.

I trattamenti ortodontici nell’adulto possono durare dai 6 ai 36 mesi, a seconda che si eseguano trattamenti ridotti pre-protesici, trattamenti ortodontici o trattamenti ortodontico-chirurgici.

La contenzione

La contenzione è, a mio parere, un momento fondamentale del trattamento ortodontico in quanto è quella fase che consente ai denti ,dopo che sono stati correttamente spostati, di rimanere stabilmente in posizione nel tempo.

Scopri di più

La contenzione è, a mio parere, un momento fondamentale del trattamento ortodontico in quanto è quella fase che consente ai denti ,dopo che sono stati correttamente spostati, di rimanere stabilmente in posizione nel tempo.
In linea generale il mio protocollo standard prevede, una volta rimossa l’apparecchiatura fissa o terminato il trattamento invisalign, l’utilizzo durante la notte di una coppia di mascherine termo-stampate trasparenti dello spessore di 1 millimetro per circa 24 mesi; dopo questi due anni si passa a tenerle una o due notti a settimana in base ai casi. Queste mascherine (essix retainers o vivera retainers) sono estremamente sottili e non danno alcun tipo di impaccio durante la notte: non metterle significa con ogni probabilità andare incontro a “recidive” ovvero spostamenti indesiderati a cui si può porre rimedio solo rieseguendo un altro trattamento ortodontico.

In altri casi potrò consigliarti lo splintaggio fisso (fixed retainer) , ovvero un sottile filo di acciaio incollato sul versante linguale dei sei denti anteriori; in genere questo tipo di contenzione la consiglio e la eseguo solo sull’arcata inferiore per evitare di alterare la masticazione, mentre superiormente è sempre consigliabile un retainer rimovibile. Tutti i dispositivi di contenzione rimovibili (in particolare gli essix retainers) devono essere rifatti al massimo ogni 2 anni poichè tendono ad ammorbidirsi ed a sfaldarsi nel tempo; le contenzioni fisse (fixed retainers) invece consiglio di sostituirle al massimo ogni 5 anni.

E’ bene recarsi da me in studio per un controllo delle contenzioni almeno due volte all’anno per i primi due anni e poi una volta all’anno per i successivi; sarà occasione questa per eseguire anche un controllo odontoiatrico di routine. La contenzione è vitalizia. Smettere di portarla senza prima chiedermi consulto vuol dire perdere con ogni probabilità una parte del risultato ottenuto dopo tanti sacrifici. Qualora dovesse capitare che si rompa, che si perda, o che tu abbia problemi a portarla, chiama immediatamente in studio e fissa una visita con la massima urgenza.

Potrebbe interessarti anche:

Terapie bambino Terapie adolescente

Per qualsiasi esigenza o curiosità puoi contattarmi tramite questo modulo oppure puoi mandarmi una mail a: dr@izzomichele.it